Home » Servizi e Attività » News » Espianto di organi al Garibaldi-Centro

Espianto di organi al Garibaldi-Centro

Espiantati ieri al Garibaldi-Centro il fegato e due reni a un uomo di 64 anni deceduto a causa di un’emorragia cerebrale spontanea dopo una decina di giorni di ricovero.

Giunto in ospedale in gravissime condizioni il primo luglio scorso, l’accertamento di morte cerebrale di C. A. veniva avviato alle ore 11.03, presso l’unità operativa di Anestesia e Rianimazione diretta dal dott. Sergio Pintaudi, da parte del Collegio di accertamento presieduto dai dottori Roberto Bonaccorso, Antonino Pavone e Maria Ragonese. Subito dopo sono state avviate le procedure dell’espianto: il fegato e un rene hanno raggiunto Palermo per essere impiantati a riceventi compatibili, mentre l’altro rene è rimasto a Catania a disposizione di un paziente bisognoso.

A eseguire l’operazione di espianto, all’interno della struttura di chirurgia d’urgenza del Garibaldi, sono state le equipe del Policlinico di Catania e dell’Ismett di Palermo.

“Il gesto della donazione – dice Giorgio Santonocito, direttore generale dell’Arnas Garibaldi - è un atto di grande civiltà e umanità, un momento di altruismo esemplare. Per questa ragione ritengo indispensabile ringraziare i familiari del donatore, che hanno dimostrato grande sensibilità. Una dovuta menzione va anche al gruppo di professionisti che ha lavorato l’intera notte ad un intervento così delicato e complesso”.

Rispetto al passato, siffatto intervento contribuisce a segnare un’evidente inversione di tendenza, peraltro voluta dall’assessore regionale alla salute Baldo Gucciardi, riguardo al crescente numero di espianti eseguiti in Sicilia dopo l’introduzione del nuovo tavolo tecnico regionale presieduto dalla dott.ssa Bruna Piazza e di cui fa parte lo stesso Santonocito.

In questo contesto, dopo la recente istituzione del Centro aziendale trapianti coordinato dalla dott.ssa Ilenia Bonanno, avvenuta appena due mesi fa, il Garibaldi ha già riportato risultati significativi, eseguendo ben due espianti e due accertamenti di morte cerebrale.

Data ultima revisione: 13 luglio 2016